IO NON SONO CHE UN CRITICO

IN LIBRERIA

Categoria:

Descrizione

IO NON SONO CHE UN CRITICO – Le prime di Verdi alla Scala dal 1839 al 1893 nella stampa d’epoca

Fonte primaria di questo travaglio storico, critico e creativo, sono le testimonianze apparse negli articoli dei periodici dell’epoca, ovvero la via scientificamente più corretta per riferire delle reazioni di critica e di pubblico che un preciso periodo storico ha riservato alle singole rappresentazioni. Si è pertanto proceduto – per la prima volta – a recuperare in larga parte le testimonianze giornalistiche che i maggiori e più attenti critici del Teatro d’Opera hanno redatto e pubblicato in seguito alle prime date alla Scala. Tra le firme più autorevoli Pietro Cominazzi, Filippo Filippi, Alberto Mazzucato, Amintore Galli, e tra le riviste Il Pirata, La Fama, la Gazzetta Musicale, La Perseveranza. Fonte primaria di questo travaglio storico, critico e creativo, sono le testimonianze apparse negli articoli dei periodici dell’epoca, ovvero la via scientificamente più corretta per riferire delle reazioni di critica e di pubblico che un preciso periodo storico ha riservato alle singole rappresentazioni. Si è pertanto proceduto – per la prima volta – a recuperare in larga parte le testimonianze giornalistiche che i maggiori e più attenti critici del Teatro d’Opera hanno redatto e pubblicato in seguito alle prime date alla Scala. Tra le firme più autorevoli Pietro Cominazzi, Filippo Filippi, Alberto Mazzucato, Amintore Galli, e tra le riviste Il Pirata, La Fama, la Gazzetta Musicale, La Perseveranza. Non solo per le opere create e messe in scena in première assoluta al Teatro milanese, ma per tutti i melodrammi verdiani che hanno avuto una prima alla Scala, la stampa contemporanea ha rappresentato la riflessione estetica più qualificata e storicamente più importante da riferire. In tal modo è possibile verificare, al di là delle facili definizioni di “successo” e “fiasco” ciò che realmente si aspettava la nostra cultura musicale da un autore in fieri come quello che, soprattutto negli anni Quaranta dell’Ottocento era un giovane musicista post-donizettiano; quello che a metà secolo era il nostro massimo rappresentante operistico in Europa; e quello che, sul morire del secolo, era ormai una gloria nazionale e un punto di riferimento di un genere che, erroneamente, considerava il Teatro d’Opera ancora foriero di futuro.

Pag. 480

Prefazione e testi introduttivi alle Opere: Giancarlo Landini

Curatela: Noemi Manzoni

 

Le librerie, soprattutto quelle indipendenti, compiono grandi sforzi per offrire un servizio adeguato al proprio pubblico. Pertanto è nostro dovere sostenerle. Per acquistare questo volume l’interessato potrà rivolgersi a  servizi come Amazon, IBS ed altri, ma l’Editore suggerisce di rivolgersi alla propria libreria di fiducia. E’ un modo per contribuire a sostenere le attività librarie indipendenti. Manzoni Editore è distribuita sul territorio nazionale da CDA.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “IO NON SONO CHE UN CRITICO”